Registrati  |   Login
Rubriche > Freeride & Backcountry > Glossario dei termini utilizzati nei bollettini nivometerelogici
Autore : enrysno
Glossario dei termini utilizzati nei bollettini nivometerelogici



ABLAZIONE
Insieme combinato dei processi di sublimazione, fusione , ed evaporazione, compresa l''azione del vento, che determinano una riduzione della massa della neve. Il fattore determinante che controlla il fenomeno è la temperatura, mentre le precipitazioni esercitano un''influenza secondaria.

ACCUMULO
Quantità di neve o di acqua allo stato solido in qualsiasi altra forma, che si aggiunge al manto nevoso attraverso il processo di alimentazione dovuto alle precipitazioni ed all''azione del vento. Quando questa è preponderante, l''accumulo risulta spesso irregolare per spessore e distribuzione.

ASSESTAMENTO
Diminuzione di spessore del manto nevoso dovuta all''azione del peso proprio della neve ed ai fenomeni di metamorfismo distruttivo e di fusione Porta come conseguenza un aumento della densità. La velocità con cui procede il fenomeno è direttamente influenzata dalla temperatura.

BOLLETTINO VALANGHE O BOLLETTINO NIVOMETEOROLOGICO
Insieme di informazioni riguardanti la passata evoluzione del tempo e del manto nevoso e valutazioni relative al possibile verificarsi di caduta di valanghe, con informazioni sulla localizzazione spazio-temporale delle stesse, tenuto conto delle condizioni meteorologiche (v. previsione). I bollettini valanghe vengono emessi a cadenza fissa che può essere settimanale, bisettimanale, trisettimanale o giornaliera. Possono venire emessi bollettini in giornate diverse da quelle previste ogni qual volta notevoli cambiamenti delle condizioni nivometeorologici lo richiedano. Quando presenta una parte specificatamente dedicata alla previsione meteorologica, con particolare riferimento a quei parametri che hanno maggior influenza sulla evoluzione e sulla stabilità del manto nevoso, si definisce bollettino nivometeorologico.

BRINA DI PROFONDITA'
Strato che si forma preferibilmente verso la base del manto nevoso per effetto del metamorfismo di gradiente ( v.) E'' costituito da cristalli con scarsissima coesione che determinano quindi una diminuzione di stabilità.

BRINA DI SUPERFICIE
Cristalli di ghiaccio legati fra loro che si formano sulla superficie della neve per sublimazione diretta del vapor acqueo. Notti serene, temperature basse e assenza di vento favoriscono il verificarsi del fenomeno. Questi cristalli, se ricoperti da ulteriori nevicate, possono, essendo molto fragili, costituire un piano di scivolamento ottimale per le valanghe.

CANALONE
E'' una stretta incisione in un pendio, caratterizzata da forti pendenze.

COMPATTAZIONE
Riduzione di spessore degli strati superficiali del manto nevoso causata da agenti meccanici esterni (quale, ad esempio, il vento).

CONSOLIDAMENTO
Risultato dell''effetto combinato di vari fenomeni (metamorfismo, assestamento) che porta ad un aumento della stabilità del manto nevoso.

CRESTA
Linea di congiungimento di due versanti montuosi opposti che si uniscono a tetto. Separa versanti a diversa esposizione

CROSTA DA FUSIONE E RIGELO
Strato superficiale che si forma per l''alternarsi di temperature elevate che causano la fusione della neve e temperature basse che favoriscono il successivo congelamento.

CROSTA DA VENTO
Strato di neve di scarso spessore, piuttosto resistente, che si forma sui versanti sopravento per effetto della pressione esercitata dal vento stesso.

DISTACCO
Rottura delle condizioni di equilibrio meccanico del manto nevoso, sottoposto a forze di varia natura, che dà origine alla caduta di una valanga. Il distacco definito accidentale (o provocato) è dovuto ad un involontario intervento esterno dell''uomo (es: sovraccarichi dovuti al transito di uno sciatore). Il distacco definito artificiale (o volontario) è dovuto ad un deliberato intervento dell''uomo, attuato con mezzi tecnici idonei (es: esplosivi). Il distacco definito naturale (o spontaneo) è dovuto sia a cause interne al manto nevoso sia ad influenze esterne indipendenti dalla presenza dell''uomo (es: metamorfismo, caduta di cornici

DISTRIBUZIONE DELLE PRECIPITAZIONI
Le precipitazioni che si verificano in conseguenza di una perturbazione possono interessare tutto un territorio o soltanto limitate porzioni: nel primo caso si tratterà di precipitazioni diffuse, mentre nel secondo avremo precipitazioni sparse.

EQUITEMPERATURA
E'' quella condizione in cui si trova il manto nevoso quando lungo il profilo verticale si misurano temperature poco dissimili fra loro (gradiente < 0.1 C°/cm) In questo caso il trasporto di aria caldo-umida per avvezione non si verifica ed è quindi impedito il metamorfismo costruttivo. Si potranno verificare soltanto il metamorfismo distruttivo o il metamorfismo di fusione, più o meno accelerati a seconda dell''apporto esterno di calore.

ESCURSIONE TERMICA
E'' la differenza fra il valore massimo e il valore minimo della temperatura misurati in un determinato lasso di tempo. Solitamente è riferita all''arco delle 24 ore.

ESPOSIZIONE
E'' la giacitura di un sito rispetto a determinati parametri quali orientamento, insolazione, venti.
ESPOSIZIONE AI QUADRANTI SETTENTRIONALI: è caratteristica dei versanti rivolti a NW, N e NE
... AI QUADRANTI ORIENTALI: è caratteristica dei versanti rivolti a NE, E e SE
... AI QUADRANTI MERIDIONALI: è caratteristica dei versanti rivolti a SE, S e SW.
... AI QUADRANTI OCCIDENTALI: è caratteristica dei versanti rivolti a SW, W e NW.

AL SOLE: è caratteristica dei versanti che ricevono una elevata quantità di radiazione solare diretta nel corso della giornata.
IN OMBRA: è caratteristica dei versanti che ricevono una ridotta quantità di radiazione solare diretta nel corso della giornata.

SOPRAVENTO: è caratteristica dei versanti esposti all''azione del vento dove la velocità dello stesso aumenta per il restringersi della sezione di flusso Mentre orientamento è fisso, l''esposizione al vento non lo è, proprio per la variabilità di questo fattore. Possibili effetti dell''azione del vento in questi versanti sono l''ablazione, tanto più facile quanto la neve è a debole coesione e la formazione di croste da vento.

SOTTOVENTO: è caratteristica dei versanti opposti a quello sopravento, dove la velocità del vento diminuisce per effetto dell''allargamento della sezione di flusso. Sulla cresta di divisione dei due versanti è possibile la formazione di cornici di neve, mentre al piede di queste si formano depositi che, a seconda della velocità di deposizione e del tipo di neve in sospensione, possono essere accumuli di neve incoerente oppure lastroni.



FIRN
Strato superficiale, generalmente di spessore rilevante, che si forma in primavera per effetto di una azione ripetuta di metamorfosi di fusione e rigelo. Il processo relativo, talvolta detto firnificazione, conferisce stabilità al manto nevoso.

FOHN
Vento di caduta, caratterizzato da un progressivo e talora notevole rialzo termico, che si genera nei versanti sottovento per effetto dello scaricamento quasi totale dell''umidità nei versanti sopravento (stau) e della conseguente maggior velocità di riscaldamento adiabatico dell''aria secca.

FRONTE
Superficie di transizione fra due masse d''aria di differente densità. Siccome la temperatura è il principale fattore di regolazione della densità dell''atmosfera, il fronte normalmente separa masse d''aria aventi diversa temperatura.

GRADIENTE TERMICO
In meteorologia è il rapporto fra la differenza di temperatura di due punti dell''atmosfera posti sulla stessa verticale e la loro distanza. Nella libera atmosfera la temperatura dell''aria satura diminuisce di 0.5 -0.6 °C per ogni 100 metri di innalzamento, mentre nell''aria non satura essa diminuisce di circa 1 °C/hm. Queste differenti velocità di raffreddamento (e di riscaldamento) sono all''origine di fenomeni di stau e fhon. In nivologia il concetto di gradiente si applica al manto nevoso.

INDICE DI PERICOLO
E'' un numero che, in base ad una tabella di classificazione convenzionale graduata detta scala del pericolo, fornisce un''indicazione sulla situazione valanghiva prevista per il periodo di validità del bollettino.

INSOLAZIONE
E'' la quantità di radiazione solare che arriva sulla superficie del suolo o della neve. Essa dipende dalla latitudine, dalla stagione, dall''inclinazione del terreno, dal contorno apparente e dalle condizioni generali dell''atmosfera.

INVERSIONE TERMICA
Fenomeno che determina la presenza nell''atmosfera di uno strato in cui la temperatura, contrariamente alla norma, cresce con l''altitudine: ciò comporta l''esistenza di strati freddi, localizzati di regola nei fondovalle, al di sotto di strati più caldi. La principale caratteristica di uno strato di inversione termica è una marcata stabilità statica dovuta alla scarsa presenza di fenomeni turbolenti. E'' causata dalla forte perdita di calore per irraggiamento che si verifica al suolo con determinate condizioni meteoclimatiche (notti lunghe e fredde, cielo sereno, scarsa circolazione dell''aria) e dallo scivolamento verso il fondovalle di masse di aria fredda.

ISOTERMIA ( v. EQUITEMPERATURA)

LASTRONI DA VENTO
Strati di neve compattata che si formano nei versanti sottovento in seguito alla deposizione della neve trasportata dal vento stesso. Sono costituiti da cristalli molto frantumati. A seconda della velocità con la quale avviene la deposizione della neve si potranno avere formazioni più o meno .rigide. Una eventuale rottura si propaga tanto più facilmente quanto più il lastrone è compatto.

LAVINA
Sinonimo di VALANGA (v)

MANTO NEVOSO
Copertura nevosa presente al suolo in un determinato momento; alle medie latitudini è tipico delle zone montane dove presenta un ciclo stagionale (si forma in autunno e scompare in primavera). E'' il risultato dei processi di accumulazione e ablazione che ne determinano la tipica stratificazione. Se la neve ricopre totalmente il territorio oggetto d''esame si ha una copertura continua, mentre qualora su di un piano orizzontale oppure a pendenza non molto rilevante si presentino soluzioni nella continuità si avrà una copertura discontinua. ALTEZZA DEL--- E'' la misura verticale dello spessore della neve al suolo, espressa in centimetri. Di questa fa parte l''altezza della neve fresca che è data dalla misura della neve recente caduta nel periodo di osservazione.

METAMORFISMO
Insieme di processi che portano a variazioni di struttura della neve dopo la sua caduta al suolo. In presenza di gradienti termici molto ridotti si verifica il metamorfismo da equitemperatura: l''acqua che compone i cristalli tende a migrare dalle parti convesse a quelle concave, dando ad essi un aspetto tondeggiante. Quando dagli strati relativamente più caldi e profondi l''aria sale e, raffreddandosi, deposita l''acqua sulle pareti dei cristalli incontrati si ha il metamorfismo da gradiente termico. La velocità e l''intensità del fenomeno sono direttamente proporzionali al gradiente termico stesso. Questo fenomeno dà origine a cristalli a facce piane, talora striate, che possono raggiungere dimensioni di parecchi millimetri ed è responsabile anche della formazione della brina di profondità (v). Il metamorfismo da fusione si verifica in presenza di temperature del manto nevoso prossime a 0°C e di apporti esterni di calore: si viene così a creare acqua libera che per effetto della gravità tende a scendere interessando gli strati sottostanti. Il successivo raffreddamento del manto nevoso o di parte di esso causa il rigelo dell''acqua di percolazione. Questo fenomeno può dare origine a strati compatti per effetto del rinsaldamento dei legami esistenti fra i singoli grani. Per metamorfismo distruttivo si intende la fase iniziale del metamorfismo da equitemperatura. Metamorfismo costruttivo è un termine equivalente, nei risultati, al metamorfismo da gradiente di temperatura e viene così chiamato perchè partendo da forme relativamente semplici i cristalli assumono forme più complesse.

NEVE
Per neve si intendono due forme di acqua allo stato solido:
1) precipitazione nevosa (v)
2) manto nevoso (v)

NUVOLOSITA'
E'' il grado di copertura del cielo. Viene valutato in ottavi Sereno /Poco nuvoloso Cielo senza nubi o con pochissima copertura nuvolosa (£ 3/8 di copertura). Nuvoloso Cielo in buona parte occupato da nubi (4-5/8 di copertura) Molto nuvoloso/Coperto Cielo senza o con pochissime zone libere da nubi (£ 6/8 di copertura)

OROGRAFIA
Natura di una regione rispetto ai rilievi che la caratterizzano. La conformazione del suolo in una zona soggetta alla caduta di valanghe influenza notevolmente la possibilità che il fenomeno si verifichi.

PENDIO
Parte di un versante caratterizzato da uniformità di pendenza.

PIOGGIA
Precipitazione di acqua liquida in forma di gocce di diametro maggiore di mm 0.5. L''intensità del fenomeno è di solito espressa in millimetri/ora, mentre la quantità è espressa in millimetri.

PRECIPITAZIONE NEVOSA
Precipitazione solida, generata dalla sublimazione del vapor acqueo e/o dalla cristallizzazione delle gocce d''acqua, che si verifica in presenza di temperature sufficientemente basse. L''intensità della precipitazione è normalmente espressa in centimetri/giorno, mentre la quantità è espressa in centimetri.

PREVISIONE
Processo mediante il quale si ricava, sulla base di dati e osservazioni, un giudizio in relazione al verificarsi di fenomeni futuri. Previsioni del tempo Previsione dello stato futuro dell''atmosfera con specifico riguardo a uno o più fattori meteorologici ( precipitazioni, venti, temperature, ecc.) anche fra loro associati. La parte meteorologica dei bollettini valanghe ha una validità che può variare da 24 a 72 ore. Previsione del pericolo valanghe Previsione dell''attività valanghiva sulla base dello stato del manto nevoso e delle previsioni del tempo, con particolare riguardo alla incidenza sulle attività umane. Normalmente essa viene fatta con specifico riguardo al tipo di distacco, tipo di valanghe e localizzazione geotopografica dei fenomeni.

PROBABILITA'
Possibilità che un certo evento valanghivo si verifichi entro il periodo di validità del bollettino. E'' generalmente indicata con i termini debole, moderata, forte.

RESISTENZA ALLA ROTTURA
E'' la forza che si oppone all''alterazione dello stato di stabilità (v) del manto nevoso.

RISCHIO
Eventualità di conseguenze negative derivanti dall''esposizione al pericolo di valanghe.

ROVESCIO
Precipitazione violenta di breve durata che inizia e termina bruscamente.

SCABROSITA'
Presenza di asperità su un terreno (substrato litologico, vegetazione). Maggiore è la scabrosità e minore, a parità di pendenza, lo slittamento del manto nevoso.

SCARICAMENTI
Movimenti del manto nevoso analoghi alle valanghe ma di dimensioni troppo esigue per essere ascritti ad esse.

STABILITA'
Condizione del manto nevoso in cui le resistenze interne sono superiori alle forze che tendono a provocarne la rottura Se tali forze minacciano lo stato di equilibrio si avrà un manto nevoso instabile. La instabilità può essere generalizzata, e cioè estesa indistintamente a tutti i punti dell''area in esame, oppure localizzata, quando è limitata a siti caratterizzati da fattori scatenanti il distacco: elevate pendenze, assenza di scabrosità, ecc.

STRATO
Spessore di neve caratterizzato dalle stesse proprietà fisico-meccaniche. Strati superficiali sono quelli posti alla sommità del manto nevoso e che risentono per primi delle condizioni atmosferiche. Strati di fondo sono quelli a contatto con il suolo e ne subiscono necessariamente l''influsso (temperature in genere prossime 0°C, circolazione di aria caldo-umida o addirittura di acqua in fase liquida).

TEMPERATURA
Stato termico misurato rispetto a una scala convenzionale (normalmente la scala Celsius). In nivologia è solitamente riferita al manto nevoso o all''aria sovrastante. Per temperature minime e massime si intendono i valori rispettivamente più basso e più alto registrato nel periodo di osservazione (generalmente le 24 ore precedenti).

TEMPO ATMOSFERICO
Insieme degli elementi meteorologici che caratterizzano lo stato dell''atmosfera su un luogo o regione. Esprime le variazioni dell''atmosfera nel breve periodo ed in ciò si distingue dal clima.

TEMPORALE
Perturbazione locale, di breve durata, accompagnata da raffiche di vento, rovesci di pioggia, talvolta di grandine e scariche elettriche.

TRASPORTO DELLA NEVE
Spostamento di masse di neve più o meno ingenti dovuto all''azione del vento, che si esplica in maniera differenziata a seconda del tipo di neve e della velocità del vento stesso.

VALANGA
Massa di neve in rapido movimento lungo un pendio. La classificazione delle valanghe può essere effettuata in base a vari criteri.

VALIDITA' DELLA PREVISIONE
La previsione del pericolo di caduta di valanghe presenta limitazioni di estensione, sia territoriale che temporale . La validità temporale, anche con condizioni meteorologiche stabili, può variare da uno a sette giorni, in funzione del mutare dei fattori che influenzano il manto nevoso e cessa in ogni caso con la emissione di un nuovo bollettino. Il bollettino ha una validità limitata al territorio di una Provincia o di una Regione.

VENTO
Massa d''aria in moto relativo rispetto alla superficie del terreno. Siccome la componente verticale del moto è relativamente poco importante nei pressi della superficie terrestre, il termine viene di solito usato per indicare la sola componente orizzontale. La velocità del vento viene espressa in nodi, km/h o m/s; nei bollettini valanghe vengono usati gli aggettivi debole (da 1 a 11 km/h), moderato (da 12 a 28 km/h), forte (da 29 a 49 km/h), molto forte (oltre i 50 km/h). La direzione alla quale si fa riferimento è sempre quella di provenienza.

VERSANTE
Fianco di una montagna o di una catena di montagne uniforme per esposizione.

ZERO TERMICO
E'' la più bassa altitudine alla quale, nella libera atmosfera, la temperatura passa per il valore di 0°C. In montagna dal punto di vista pratico, è l''altitudine alla quale la temperatura media si aggira intorno agli 0°C. In caso di inversione termica, al di sopra di essa possono esistere uno o più livelli ai quali la temperatura passa ancora per il valore zero.




Per maggiori info vedi anche: www.aineva.it/bolletti/bollet5.html

Newsletter
Facebook
Ultimo registrato
13/4/2017 SGazza
SGazza

Persone Online
42 utente(i) online
(1 utente(i) in Rubriche)

Iscritti: 0
Ospiti: 42

altro...