Rubriche > Manuali > COME SCEGLIERE GLI SCARPONI DA SNOWBOARD
Autore : 3Nta
COME SCEGLIERE GLI SCARPONI DA SNOWBOARD


RUBRICA SVILUPPATA IN COLLABORAZIONE CON THIRTYTWO.

Molti di noi spendono ore e ore all’interno degli snowboard shop intenti a scegliere la tavola più giusta, ma troppo spesso non dedichiamo lo stesso tempo al reparto degli scarponi. Un boot sbagliato ai piedi può significare davvero una tragedia, rovinare giornate sulla neve, intere vacanze o addirittura costringere il malcapitato all’acquisto di un nuovo modello.

Ci sono tre cose fondamentali che determinano come uno scarpone si comporterà una volta indossato e sono: il flex, le features e il fit.

1. Flex
Come per le tavole il flex, ovvero la misura della rigidità di uno scarpone, è una questione di gusti personali. Tuttavia ci sono alcune regole generali che è bene tenere a mente.
Gli scarponi rigidi sono principalmente utilizzati dai freeriders o park rider di livello avanzato, che affrontano grandi kicker o transizioni spinte come il pipe e per questo hanno bisogno di un enorme supporto all’articolazione della caviglia e di una veloce risposta e reattività generale dello scarpone.
Di contro gli scarponi morbidi sono preferiti dai jibber, dai freestyler eclettici o dai principianti e questo perché sono più permissivi, comodi e offrono una sensibilità decisamente maggiore.

Open in new window








Ma queste, come abbiamo detto sopra, sono solo regole generali e vale la pena provare alcuni modelli dalle differenti caratteristiche per capire meglio cosa realmente preferiamo ed essere sicuri prima di strisciare la carta di credito.

2. Features
Le features, ovvero le caratteristiche tecniche di uno scarpone, sono davvero tante e molto specifiche da boot a boot. Di seguito ne elenchiamo alcune di Thirtytwo che vanno tenute in considerazione perché possono davvero fare la differenza nella scelta.
La prima e sicuramente la più incisiva è il sistema di allacciatura. Se da un lato il sistema tradizionale a lacci è ancora molto valido e utilizzato sulla maggior parte dei modelli perché affidabile e perché garantisce la possibilità di modulare la stretta a piacimento, negli anni Thirtytwo ha evoluto altri sistemi che sono il Boa e il Fast Track giunti ormai a un ottimo livello di prestazioni.

Open in new window






Il Boa sfrutta sottili cavi di acciaio al posto dei lacci. È comodo, veloce, ideale per chi non può o non vuole togliersi i guanti per allentare o stringere gli scarponi. E’ un sistema particolarmente idoneo quando la struttura del boot è già rigida di per se, ad esempio su un modello da freeride.
Il Fast Track è altrettanto rapido e comodo sfruttando sottili lacci in cordura che stringono separatamente la porzione del collo del piede da quella superiore dello stinco. Essendo più leggero ed elastico del Boa si sposa meglio con scarponi la cui struttura è flessibile, ad esempio nei modelli freestyle da jibbing.

Open in new window





La scarpetta interna o Liner, è anche un elemento da non sottovalutare nella scelta di uno scarpone. Le sue caratteristiche di rigidità e struttura influenzano non solo la complessiva “durezza” del boot e il supporto che questo fornisce durante il riding, ma rappresenta soprattutto l’elemento di contatto con il piede e per questo va valutata attentamente. Tutte le scarpette 32 sono realizzate con particolari materiali termoformabili e questo garantisce un fit ottimale con la forma del piede.

Open in new window





Rimanendo sempre all'interno della scarpetta troviamo il plantare. Questo elemento ha due funzioni principali, di ammortizzazione grazie al cuscinetto posizionato in corrispondenza del tallone e di supporto agli archi plantari, mediale, anteriore e laterale. Ogni persona presenta archi caratteristici e trovare il plantare giusto può determinare una sensazione di comodità straordinaria. Ricordate che se ne avvertite la necessità è sempre possibile recarsi in un centro specializzato e acquistare separatamente un plantare ortopedico sportivo realizzato su misura per il vostro piede.

Open in new window








Per quanto riguarda l’esterno dello scafo, i supporti posteriori lungo il polpaccio o particolari linguette aumentano o meno la rigidità complessiva del boot.

Open in new window





L’ultima feature, ma assolutamente non per importanza è la suola. Questo elemento di gomma, che 32 ha alleggerito grazie alla speciale mescola STI Evolution Foam, è quella che determina il grip di uno scarpone sulla neve ed è anche la principale fonte di ammortizzazione durante l’esercizio. Scegliete il profilo e il sistema di ammortizzazione che vi sembrano più opportuni in base all’utilizzo che ne andrete a fare.

3. Fit
Detto questo, l’aspetto più importante nell’acquisto di uno scarpone è la sensazione che si prova quando lo si indossa. Siamo onesti, non date retta a strane leggende, non avete ai piedi una scarpa da ginnastica e se la sensazione è di stare comodi come in una ciabatta probabilmente non è lo scarpone giusto per voi.
Lo scarpone certo non deve fare male, ma per svolgere la propria funzione correttamente deve stringere, fasciare e tenere ben saldo il piede.
Appena indossato è normale che qualche fastidio ci sia, il boot è “flat” e si deve ancora formare attorno al vostro piede. Buona regola è tenerlo chiuso ai piedi per una decina di minuti durante i quali si può camminare e provare alcuni movimenti prima della valutazione definitiva.
Di seguito una linea guida su come valutare la misura e il fit durante l’acquisto del vostro nuovo scarpone 32.

- Misurare con accuratezza la dimensione del vostro piede

Open in new window




























- Valutate il profilo del vostro piede e l’ampiezza degli archi plantari. Per fare questo estraete il plantare dallo scarpone, poggiatevi il piede sopra e valutate il supporto o eventuali elementi di disturbo.

Open in new window













- A questo punto è arrivato il momento di indossare e stringere lo scarpone esattamente come se steste andando in montagna. La misura sarà corretta se: una volta in piedi il pollice tocca leggermente la scarpetta interna, mentre se vi piegate in avanti questo non accade.
Per valutare invece la stretta sul tallone, provando a sfilarvi il boot semplicemente facendo pressione sulle dita, questo non si dovrebbe muovere di più di 1 cm.

Open in new windowOpen in new window


























































- Se tutto torna chiedete al vostro negoziante di termoformarvi lo scarpone e potete stare certi di aver acquistato il miglio boot per voi!

Open in new window

Facebook