Rubriche > Manuali > pagine interne > 2.2 - PULIZIA A CALDO
Autore : RED
2.2 - PULIZIA A CALDO


Questo metodo è spesso utilizzato quando, nonostante ci abbia dato dentro con il solvente, la soletta è rimasta ancora un po’ sporca, ma soprattutto da chi vuole conservare al meglio le doti di scivolamento della propria bella. Infatti andremo a sciolinare la tavola, togliendo subito la sciolina (“semi-sciolinate”), a differenza di quanto succede in una vera sciolinata (che dovrete comunque fare alla fine del “lifting”). Ripeteremo l’operazione almeno un paio di volte e comunque fino a quando la soletta non sarà pulita. In questo modo, a differenza della pulizia con il solvente, la soletta viene preingrassata ed è quindi più sana. Se non volete spendere un patrimonio in sciolina, compratevi la sciolina da laboratorio (venduta al Kg) o la paraffina, dato che non vi servono le qualità di scorrevolezza!

Se ci sono macchie di sporco più duro, come il grasso depositato sulla neve dagli impianti, pulite prima con una goccia di solvente, poi cominciate con la sciolinatura a caldo.Sciolinate bene con una sciolina morbida (alias sciolina per temperature calde/da laboratorio/paraffina) così cola meglio e penetra subito nei pori della soletta, passate continuamente il ferro in modo che resti liquida per un pò e poi spatolate (spatola in plexiglass) fino a quando non viene via nulla, mentre la sciolina ancora liquida: in questo modo avrete asportato anche lo sporco! se la soletta non e ancora totalmente pulita, ripetete l'operazione.

 

 

Ferro della nonna in action!

 

 

La soletta è già abbastanza calda, la sciolina inizia a rimanere liquida.

 

 

Lo sporco si stacca dai pori della soletta e si unisce alla sciolina liquida.

 

 

La sciolina ancora liquida viene spatolata via.

 

 

Lo sporco viene asportato spatolando la sciolina ancora calda.

 

 

Notare la quantità impressionante di sporco che è rimasto intrappolato nella sciolina!

 

Per mantenere la sciolina liquida per almeno un paio di minuti, dovrete passare tante volte con il ferro in modo da scaldare bene la soletta; tuttavia badate bene alla temperatura della soletta (o del topsheet), deve essere calda (più calda di una normale sciolinata) ma non scottare!

Un altro accorgimento di cui dovete tener conto è come rifinire la pulizia. Potete spazzolare con la spazzola in bronzo per togliere dello sporco che non si è staccato con la spatola; state però attenti a come togliere la sciolina spazzolata: dato che la soletta è ancora calda non ci vuole niente a rifissare lo sporco. Potete usare un foglio di carta (assolutamente pulito) ma dovrete stare molto leggeri con la mano sennò tornerete a spalmare lo sporco. A mio avviso è consigliabile usare ancora la spatola, ma con pressione molto moderata, quasi nulla,  e angolo di incidenza della spatola inverso rispetto a quello che usiamo per togliere la sciolina (cioè se il verso di percorrenza è così ®, la spatola deve essere così , a differenza di prima che era /). Questi sono tutti consigli pratici testati di persona ma le varianti sono infinite, imparerete solo con la pratica e spesso sbaglierete a vostre spese prima di trovare il giusto compromesso!

 

Altri vantaggi di questo metodo sono l’efficacia della sciolinatura finale (dovuta al preingrassaggio), che può essere fatta con scioline più performanti, e la rimozione dei residui di scioline per nevi fredde che sono quelle più dure.

Se avete dei dubbi sul come sciolinare, leggete più avanti (Par. 5 - sciolinare).

 

 

 

 

pagina successiva

 

pagina precedente

 

 

Facebook