Rubriche > Manuali > pagine interne > 5.2 – COME SCIOLINARE
Autore : RED
5.2 – COME SCIOLINARE


Avendo capito perché è importante sciolinare la soletta, ora andiamo a vedere come si fa. Fissate la tavola con la soletta verso l’alto; le operazioni da effettuare sono le seguenti:

Ø       Accendete il ferro tenendolo a bassa temperatura. Mentre esso si scalda, pulite bene la soletta con della carta e togliete tutto ciò che c’è d’infiammabile (o che si può rovinare con la paraffina) che c’è nei paraggi;

Ø       Prendete ferro e sciolina/paraffina. Tenendo il ferro a circa 10/15cm dalla soletta, appoggiate la sciolina sulla sua piastra e fatela gocciolare sulla soletta. Se la sciolina fuma nel gocciolarla, abbassate la temperatura del termostato;

 

Sciolina che gocciola sulla soletta

Ø       Distribuite la sciolina sulla tavola cominciando con una striscia lungo le ogni lamina e poi 2 o 3 in centro, facendo colare le gocce a distanza di 3 o 4 cm l’una dall’altra.

Distribuire uniformemente le gocce di sciolina su tutta la superficie della soletta (potete evitare punta/coda)

Se state usando solo paraffina x sciolinare e dovete surfare molto su pista (con neve invernale), vi consiglio di far gocciolare anche un po’ di sciolina dura (per nevi fredde) in zona lamine; in questo modo la sciolina vi durerà un po’ di più.

Sciolina per nevi fredde applicata in zona lamine

Ø       Alzate la temperatura del ferro (non deve comunque fumare e cioè bruciare la sciolina) e mettevi a stirare la soletta! Fate passaggi lenti (in modo da sciogliere bene ed amalgamare la sciolina sotto il ferro) e continui (in modo da non fermarsi mai in un punto per non rischiare di staccare la soletta!) da punta verso coda. Potete fare anche a meno di passare sulla punta e coda (nella zona che non viene normalmente a contatto con la neve) se non è particolarmente secca. Mentre stirate, tenete controllato con il palmo della mano la temperatura del topsheet (serigrafia); essa dovrà essere tiepida ma non scottare! Se dovesse succedere interrompete un attimo il vostro lavoro! A tal proposito state attenti a punta e coda, che, essendo più sottili, si scaldano prima!

 

Ferro da stiro in action! (potete evitare punta/coda se non sono particolarmente secche)

Ø       Continuate fino a quando vedete la sciolina restare liquida anche poco dopo il passaggio del ferro (e topsheet tiepido); a questo punto fate un passaggio di finitura da punta a coda.

Passaggio di finitura

Ø       Mettete la tavola a raffreddare per almeno un paio d’ore (meglio se tutta la notte) all’aria aperta, per i motivi visti al paragrafo precedente.

Tavola sciolinata

Ø       Fissate ancora la tavola con la soletta rivolta verso l’alto, prendete una spatola in plastica (ad angoli vivi) e iniziate a spatolare da punta a coda tutta la sciolina che viene via (non stupitevi, sarà circa l’80% di quella che avete sciolto!!), utilizzando la spatola come già visto al capitolo 2, par. 1.

 

Utilizzo della spatola per asportare la sciolina in eccesso

Passatela anche sulle lamine (fianco e fondo)  per togliere eventuali gocce.

Utilizzo della spatola (lato corto) per togliere la sciolina dalle lamine

Ø       Spazzolare con forza da punta a coda per liberare l’impronta della tavola. Più farete bene questa operazione, più la vostra tavola sarà veloce e prestante già dalla prima discesa.

Per questa operazione vi consiglio di usare la spazzola in crine di cavallo o nylon morbido. Essa impronta meno della spazzola in rame, tuttavia asporta anche meno sciolina.

 

Uso della spazzola per improntare la soletta

Ø       Togliete con mano leggera i residui di sciolina utilizzando della carta o un panno pulito.

 

 

Manutenzione completata!!!

P.S.: Molte persone (tra cui tanti skimen) preferiscono non spatolare/spazzolare la tavola una volta sciolinata, sta a voi decidere cosa preferite. Tenete conto che se non spatolate la soletta, quest’ultima risulterà un po’ più protetta sui rails, sulla neve ghiacciata estiva, sulla neve sporca di inizio/fine stagione; tuttavia sarà anche più lenta e meno prestante rispetto ad una tavola ben improntata, soprattutto alle prime discese. Infatti dopo poche discese, la tavola (non spatolata), che sembrava un chiodo appena messa sotto i piedi, diventerà pressoché scorrevole come una tavola spazzolata. In ogni caso, non pensate assolutamente che se lasciate più sciolina sulla soletta o non spatolate affatto, la tavola vi andrà più veloce e più a lungo (vedi paragrafo precedente) e ricordate sempre che la sciolina è paraffina (petrolio) e quindi inquina, meglio spatolarla e buttarla nel cestino pittosto che distribuirla sui nostri amati monti!!

P.P.S.: Se dovete lasciare la tavola ferma per un po’ (es. x pausa estiva), sciolinate abbondantemente con della paraffina (lasciandola colare anche sulle lamine) e non spatolate! In questo modo la tavola rimarrà ingrassata e soprattutto protetta da polvere, sporco, raggi UV, umidità, ruggine ecc. ecc….è un po’ come metterla sotto vuoto! Lasciatela in posizione eretta in un luogo fresco e asciutto, meglio ancora se coperta da una custodia in plastica.

 

Sciolina portata a coprire le lamine

Immagine della soletta finita

Tavola pronta per il “lungo” letargo  

 

pagina precedente


 

Facebook