Inviato da 3Nta | il 17/09/2008 | 4477 letture | Commenta | Vai al menu principale
Interviste : Intervista a Matteo Meneghetti
Nome e Cognome: Matteo Meneghetti
Soprannome: dicono Jibmaster
Età: dall’anno scorso non la dico piu’ …va be dai 31
Residenza: Mestre
Snowboard dal: 2001
Regular o Goofy? Goofy
Home resort: San Pellegrino
Trick favorito: dipende quale parte del mio corpo non mi fa male , ultimamente swbs, ma il fs3 resta il top
Bevanda preferita: mojito
Cibo preferito: quello che prepara mamma
Libro consigliato: Codice Genesi
Film consigliato: C’era una volta in America
Sito web: youporn...
Sponsors: BATALEON,DRAKE,CELSIUS,IFOUND,CELTEK,ELEVEN,IS DESIGN,GARBAGE GANG

Open in new window





















SG. Chi sei e come mai ti stiamo intervistando?

M. Sono un ragazzo che fa snowboard , che cerca di dare il massimo delle sue possibilta’, e mi state intervistando perche’ …….veramente non lo so..hahahha

SG .Quando hai iniziato a fare snowboard e chi/cosa ti ha maggiormente motivato nel progredire?

M. Ho iniziato nel Gennaio del 2001 ,grazie alla mia ragazza Monica, all’inizio era un hobby, poi pian piano
E’ divenuto una parte sempre piu’ importante della mia vita,
la piu’ grande motivazione e’ sempre stato lo spirito di competizione che e’ in me, sono veramente un narcisista e mi piace mettermi in mostra, poi ovviamente la continua ricerca del mio limite, non esiste gratificazione piu’ grande di riuscire a fare le cose che non si sarebbero mai immaginate, un po contorto vero?

SG. Easy Park San Pellegrino…. Ci racconti, com’è nato, cosa hai fatto e come mai ora non c’entri più?

M. E’ nato tutto frequentandolo, da utente in erba ho conosciuto Oscar Codemo tuttora gestore del park che vista la mia passione mi ha subito coinvolto nel lavoro del park, poi con gli anni,i miei impegni di atleta, e la necessita di girare , mi hanno allontanato per dedicarmi piu’ al riding che ai park , avevo voglia di essere libero e tenere un park e’ un gran bel impegno.

Open in new window








































SG. Gira voce che gestirai il park di Lagorai…. Ci racconti?

M. Non e’ proprio esatto, daro’ una mano alla costruzione a Milo Miliardi che sara’ il vero e proprio responsabile, e gli gestiro deli eventi, finalmente quest’anno vedrete un contest di rider , dove i rider saranno protagonisti, con strutture a dir poco impossibili e uno spettacolo “Americano” , ma non posso dirvi di piu’ , siamo ancora alla fase embrionale.

SG. Quali sono le principali problematiche nel progettare e gestire uno snowpark?

M. La quantita’ neve che hai a disposizione e’ la cosa fondamentale, diciamo un 50%, infatti chi parte con gia’ dei lavori in terra e’ avvantaggiato, poi i mezzi che ti mette a disposizione la stazione sono un altro 50%, il gatto, la voglia, etc. La competenza nel costruire occupa un altro 50% ……si lo so siamo a 150% , ma per fare un buon park bisogna lavorare una volta e mezza…….beleve me!!!!!

SG. Con chi giri di solito?

M. La costante fissa e’ la mia ragazza Monica, poi ci sono tutti i guys che becco o all’easy, o in giro per l’italia, siamo tutti una grande famiglia e personalmente mi motivo tantissimo a girare con tutti , per depilare ma soprattutto per essere depilato, se dovessi scegliere l’amico di sempre per girare direi Riky Farronato, il mio primo mentore , con lui basta uno sguardo e ci capiamo , e’ la persona che stimo di piu’ in questo ambiente, e non e’ a alti livelli solo perche’ e’ pigro, ne avrebbe per tutti…. garantito…

SG. Park, jibbing, freerdie, backcountry…. a ognuno il suo… sei uno tutto park o fai un po’ di tutto?

M. Sono effettivamente uno tutto park, ma non disdegno tutto il resto, per fare backcountry pero’ ci vuole una preparazione che io non mi sento di avere, (a meno che non ci sia una motoslitta, ma qui i veri backcountrer mi sputeranno) e poi sono stato abituato all’easysnowpark che in un giorno fai 30 run con tre salti a run….fai due conti... e’ difficile tornare indietro.

Open in new window





















SG. Società impianti a fune… stanno realmente dando importanza al freestyle?

M. Un po alla volta, ma siamo ancora lontani da quello che vorrei io, diciamo che adesso investono perche gli tocca, perche non possono piu’ fare finta di non vederci, perche in mezze pubblicita in televisione hanno lo snowboard, perche cominciano a farsi concorrenza, speriamo continuino, anche noi snowboarder pero’ dobbiamo cambiare, basta con l’etichetta dello snowboarder casinista, raga andiamo in montagna per lo sport non per non andare in disco ….mi raccomando

SG. Parliamo un po’ di materiali…Quale tavola usi? Perchè proprio questo modello? Che settaggio utilizzi? (passo, gradi ecc)

M. Io uso una Ewil Twin 155 per lo snowboard di tutti i giorni, piste jibbing park, poi ho due modelli per andare all’estremo , la Riot 155 per i kiker over 15m e’ come l’altra ma piu duretta e reattiva, e una Airobic 151 per concentrarmi sui rail e sugli street rail piu corta maneggevole e morbida. Il passo e i gradi restano sempre gli stessi 63cm +15-15. Reputo importante poter variare per ottenere la massima resa

Open in new window





















SG. Da poco sei team manger Bataleon Italia… quali sono i tuoi progetti? Che idee hai? Com’è lavorare con Bataleon?

M. Si da quest’anno sono anche team manager, una nuova esperienza che mi sta gasando parecchio.. Ho un sacco di progetti , uno tra i quali di riuscire a far girare il team assieme il piu’ possibile per fare “squadra” per sentirci parte di qualcosa, la mia principale idea e’ quella di portare un po di disciplina sportiva nello snowboard freestyle, nulla di nazzista ma un minimo di professionalità come la preparazione atletica e il comportamento, siamo ancora troppo pane e vino per competere con gli altri a livello internazionale , magari i “vecchi” non li cambi ma i giovani…..o ci stanno o li legno!!!!! Vediamo...
Lavorare con Bataleon come atleta e’ ed e’ stato sempre un ottima esperienza , non ho mai avuto problemi con Gabry and co, anzi , sara’ anche perche io sono il figlio che tutti vorrebbero…….(sto scherzando ovviamente), come team manager te lo dico alla fine di questa stagione.

SG. Ci presenti il team Bataleon con 2 pensieri su ogni rider?

- Matteo “matrao” Niccolini un mito del nostro snowboard , infinito , quando ho cominciato lo vedevo nelle riviste e dicevo :”anche io voglio cosi” , non ci sono arrivato nemmeno vicino ,,,,,respect!!!!!!!!!!!!

- Gigi “nija” Cappello un nija appunto ragazzo generosissimo, e privo di ogni paura, potrebbe droppare dalle twin tower se esistessero ancora, solido!!!

-Cristina “hedi” Tuberosa , una vera professionista, e’ cresciuta in maniera esponenziale in questi ultimi tre anni , e mi vergogno a dire che avevo dato un giudizio negativo nel prenderla all’inizio , mi avevano chiesto un parere-…….ho toppato in pieno!!! (pero’ lei non era cosi’ forte ) vai Hedi!!!!!!!!!

-Giorgio “iannino” Morrell una macchina da rail , molto bravo in ogni condizione , e molto freddo ai contest, un po sfigato con gli infortuni…dagliene ianny

-Bylly Fresolone il gigante dal cuore buono, anche lui si e’ rotto tutte le ossa del corpo, un animale da rodeo, nel senso che fa rodeo come se piovesse… va anche in FMX ….sti ca….

- Carlotta Illiano e’ la giovanotta che ha vinto il tour femminile l’anno scorso e quindi si e’ guadagnata un anno di sponsorizzazione, non la conosco ancora ma mi aspetto molto da lei.

- Michele Lobrano: anche lui arriva dal tour della passata stagione , e’ bravo ha talento , ma ancora troppo fancazzista, quest’anno lo sfondo di legnate e vediamo a fine stagione come e’ plasmato

- Federico Triches a lui non manca nulla per sfondare , deve solo credere in se stesso e lavorare come un matto , perche proprio il suo carattere richiede lavoro e tranquillita’ , e’ gia’ maturo, ma a volte lo vorrei piu’ spregiudicato….dalgiene Fede!!!!!!!!

Open in new window





















SG. Quali sono i riders che ti hanno ispirato di più?

M. Travis Parker , Marc Frank Montoya, J.P Solberg stranieri... Matrao, Aie, Tato italiani

SG. Snowboard e famiglia… come lo gestisci?

M. Alla giornata , poi adesso nostra figlia e’ grande e mi segue ovunque …io impazzisco a snobordare con lei!!

SG. Progetti per il futuro?

M. Coronare il sogno di avere una copertina un giorno, sono vecchio , e’ difficile , ma non mi sono mai posto limiti nella vita!!

SG. Saluti e ringraziamenti

M. La FreeOnBord per l’eterno supporto , i miei sponsor,Gabry , La Francy, Pasi, Flippo, Monica, tutto il team , Riky , Oscar, Mone; Giosi, Ile Gia, Ile Cav, Yogy, Topo, Pina, Tato, Facciosnao, Alby farronato , DDP, Jonny, Teo Tia la Garbage Gang e tutta snowgang!!!!

UN RINGRAZIAMENTO AL CICCIO DI NEURO, ILENIA GIACCHETTI, ANDREA RIGANO, PER LE FOTO


Open in new window
Interviste




Facebook